CELEBRANDO IL 150 ANNIVERSARIO DELLA INTUIZIONE DELLA PREGHIERA DEL ROGATE

Leggiamo nella vita di Sant’Annibale Maria che egli aveva la pia abitudine di visitare ogni giorno il Ss.mo Sacramento esposto per le Quarantore nelle varie chiese di Messina. Un giorno trovandosi nella Chiesa di S. Giovanni di Malta, ebbe in mente questo pensiero dominante cioè che per operarvi il maggior bene nella S. Chiesa, per salvare molte anime, per estendere il regno di Dio sulla terra, nessun mezzo fosse tanto sicuro quanto l’accrescersi di eletti ministri di Dio […] e che quindi ottima e proficua preghiera da preferirsi sarebbe quella di chiedere instantemente al Cuore Ss.mo di Gesù che mandi sulla terra uomini santi e sacerdoti eletti […].

Un’idea questa, che prenderà sempre più spazio nell’animo del giovane, prima ancora che egli maturi la decisione di intraprendere la via del sacerdozio.

Nella foto:  immagine rara della Chiesa di San Giovanni dei Cavalieri di Malta, in Messina, prima del terremoto del 1908, dove Annibale Maria, ancora adolescente, mentre era in adorazione, ebbe l’intuizione della preghiera per le vocazioni.

Circoscrizione: