1 Giugno 2010: è nata la Associazione ONLUS “Impresa Sant’Annibale”

Nei nostri Istituti è facile trovarci di fronte a casi nei quali, in forza della maggiore età, siamo costretti a lanciare nella società i nostri assistiti senza avere avuto né il tempo né i mezzi per introdurli nel mondo del lavoro e dell’impresa. Succede dunque che, ritrovandoli per caso dopo qualche tempo, disoccupati e impoveriti sia umanamente che cristianamente, ci rendiamo conto di non aver reso loro un adeguato servizio ed accompagnamento educativo.
Ma la Grazia del Signore è venuta provvidenzialmente incontro a noi Padri Rogazionisti grazie all’opera di alcuni nostri amici laici e dei confratelli dell’Antoniano di Roma.
Partendo dall’idea lanciata un anno fa dall’Ing. Pierluigi Sassi, membro dell’Associazione “Minoranze Creative” e socio dell’UCID (Unione Cattolica Imprenditori Dirigenti), l’Istituto Antoniano ha studiato la possibilità di creare una “Scuola Incubatore per l’Impresa” per i ragazzi delle nostre Case Famiglia prossimi alla maggiore età. Col tempo, superati vari intoppi burocratici, si è scoperta la seria possibilità di costituire, insieme alla “Minoranze Creative”, una vera e propria Associazione che potesse riuscire a colmare quel “vuoto” formativo di cui accennavamo sopra e riuscire ad avere un accreditamento europeo. Pertanto, grazie al prezioso e determinante interessamento dell’Avvocato Giovanni Farella e in accordo con la Dottoressa Placido Marinella, Presidente della “Minoranze Creative”, i padri dell’Istituto Antoniano Maschile di Roma hanno deciso di mettere a disposizione di questa iniziativa un appartamento ricevuto in eredità e di elaborare uno Statuto Associativo ed un Contratto di Comodato ad hoc.
Nel mese di Aprile 2010 è avvenuta l’approvazione dell’Associazione da parte del Consiglio Provinciale Italia Centro Nord e, proprio il 1 Giugno 2010, Festa di S. Annibale Maria Di Francia, con atto notarile, è nata ufficialmente la Associazione ONLUS “Impresa Sant’Annibale”.
Presso lo Studio Notarile Flavia Colangelo di via Nicastro 11 erano presenti per la Congregazione dei Padri Rogazionisti Padre Fortunato Siciliano, Procuratore Generale, Padre Mario Lucarelli, Superiore pro tempore dell’Istituto Antoniano Maschile, Padre Mario Di Pasquale, Responsabile della struttura educativa dell’Antoniano e Padre Giovanni Sanavio, Vicesuperiore. Per la Associazione “Minoranze Creative” erano presenti la Dottoressa Placido Marinella, Presidente, l’Ingegner Pierluigi Sassi, Vicepresidente, il Dottor Paolo Pieri, Tesoriere e la Dottoressa Maria Teresa Serranò, Segretaria.
Per meglio far comprendere la portata della “Impresa Sant’Annibale” riportiamo l’articolo 3, paragrafi 1-8 dello Statuto, riguardanti oggetto e scopo dell’Associazione.

“L'Associazione, che prende nome da Annibale Maria Di Francia, fondatore dei Padri Rogazionisti ed insostituibile ispiratore dei principi dell’Associazione stessa, non ha scopo di lucro, è apartitica ed agisce in piena indipendenza ed autonomia. Nel quadro della promozione dell’inclusione sociale e della solidarietà, tenute conto le finalità e la pedagogia proprie dei Padri Rogazionisti (cura della crescita umana, psicologica, spirituale, cristiana e sociale dell’assistito; acquisizione della capacità di intervento professionale a difesa e sostegno dei più deboli), l'associazione ha lo scopo di mettere in atto efficaci iniziative per:

1. favorire l’inserimento socio-lavorativo dei giovani con disagio attraverso l’imprenditorialità e il microcredito;
2. favorire la formazione professionale dei giovani che a partire dall’età di 14 (quattordici) anni potrà affiancare l’attività scolastica, con lo svolgimento di programmi integrativi della stessa;
3. promuovere l’imprenditoria femminile;
4. promuovere l’attività di orientamento, sostegno e consulenza gratuita per quanto riguarda l’avviamento di attività imprenditoriali realizzate dai giovani nonché
5. fornire assistenza per favorire l’accesso al microcredito ed ai programmi di finanziamento di Enti e Fondazioni;
6. assicurare l’attività di tutoraggio che affiancherà i giovani imprenditori formati dall’Associazione negli anni immediatamente successivi alla costituzione delle imprese;
7. sostenere attraverso la formazione al lavoro e l’avviamento di impresa l’inserimento o reinserimento socio-economico dei minori assistiti;
8. promuovere, nel quadro degli obiettivi e scopi dell’associazione, iniziative culturali, di  informazione e sensibilizzazione”