Il Beato Giovanni Paolo II ai Figli di S. Annibale

«Se uno mi ama, osserverà la mia parola » (Gv 14, 23). In
queste parole evangeliche vediamo delineato il profilo spirituale di
Annibale
Maria Di Francia,
che l’amore per il Signore spinse a dedicare l’intera
esistenza al bene spirituale del prossimo. In questa prospettiva, egli avvertı`
soprattutto l’urgenza di realizzare il comando evangelico: «
Rogate
ergo... Pregate dunque il padrone della messe che mandi operai nella sua messe!
»
(
Mt 9, 38).

Ai Padri Rogazionisti e
alle Suore Figlie del Divino Zelo lasciò il compito di adoperarsi con tutte le
forze perchè la preghiera per le vocazioni fosse « incessante e universale ».
Questo stesso invito Padre

Annibale Maria Di Francia rivolge ai giovani del nostro tempo,
sintetizzandolo nella sua abituale esortazione: «Innamoratevi di Gesù Cristo».
Da questa provvidenziale intuizione è sorto nella Chiesa un grande movimento di
preghiera per le vocazioni. Auspico di cuore che l’esempio di Padre Annibale
Maria Di Francia guidi e sostenga anche in questo nostro tempo tale azione
pastorale
» . (Giovanni Paolo II, Domenica 16 maggio 2004).

 

« Carissimi Rogazionisti e Figlie del Divino Zelo, non abbiate
paura che il tempo dedicato all’orazione possa in qualche modo frenare il
dinamismo apostolico e il meritorio servizio ai fratelli, che costituiscono la
vostra fatica quotidiana. E` esattamente il contrario. Amare e porre nel centro
d’ogni progetto di vita e d’apostolato la preghiera è l’autentica scuola dei
santi. Distinguetevi, pertanto,
nell’arte del pregare
: questo «é il segreto di un cristianesimo veramente
vitale, che non ha motivo di temere il futuro, perché continuamente torna alla
sorgente e in essa si rigenera» (
Novo
millennio ineunte
, 32). Vi sia di esempio e sostegno la Vergine Santa.
Conservando in tutta la sua primitiva freschezza quel tipico carattere mariano,
che il vostro Fondatore ha impresso come nota inconfondibile agli Istituti da
lui fondati, restate alla scuola di
Maria
. Finché manterrete lo sguardo fisso su di Lei, eccelso capolavoro di
Dio, modello e ideale di ogni vita consacrata e sostegno di ogni attività
apostolica, non si inaridirà nella vostra grande Famiglia spirituale quella
sorgente di generosità e di dedizione, di interiorità e di fervore, di santità
e di grazia, che vi rende
preziosi operai nella messe del Signore.

Siate, infine,
anime profondamente eucaristiche, che sanno
adorare, amare, godere l’Eucaristia. Fu al Mistero eucaristico che, agli albori
delle vostre Congregazioni, il Beato Di Francia diede il posto centrale in
tutto. Dall’adorazione eucaristica
otterrete non solo il dono di nuove vocazioni
, ma anche la grazia di
accrescere l’entusiasmo e la gioia del vostro sacerdozio, della vostra
consacrazione e della vostra militanza cristiana
». (Giovanni Paolo
II
, Domenica 6 dicembre 2001 –
Udienza nel 150° anniversario della nascita di Padre Annibale
).

 

 

«Resta vivo
nella memoria di ciascuno il ricordo della mattina del 16 maggio 2004 quando,
dinanzi a una grande folla intensamente partecipe, ho avuto la gioia di
iscrivere nell'albo dei Santi colui che ho definito "insigne apostolo
della preghiera per le vocazioni" e "vero padre degli orfani e dei
poveri". Il suo carisma risplende ora di nuova luce: Padre Annibale è per
tutti intercessore e modello luminoso, la cui presenza viva presso il Padre
delle misericordie dà all'invocazione del cuore rinnovata fiducia di essere
ascoltata, specialmente per quella preghiera a cui Cristo stesso ci invita:
"Rogate!" (Mt 9,38)

»
. (Giovanni Paolo II, Domenica 26 giugno 2004 – Lettera al Superiore Generale, P. Giorgio
Nalin
).

 

 

«Carissimi
Rogazionisti! La Chiesa e il mondo attendono da voi una rinnovata fedeltà al
carisma di apostoli del "Rogate" che vi contraddistingue. Vivete
perciò, con tutta la passione che lo Spirito saprà accendere nei cuori, la
gioia della vostra chiamata, e non fate mancare al Popolo di Dio e all'umanità
intera ciò che è stato chiesto dal Redentore in persona: "Rogate!".

Lavorate
senza risparmio per il bene temporale e spirituale del prossimo, sull'esempio
del vostro Padre Fondatore, mediante l'educazione e la santificazione dei
fanciulli e dei ragazzi, l'evangelizzazione, la promozione umana e il soccorso
ai più poveri (cfr Costituzioni, 5). Curando l'annuncio del Vangelo alle
giovani generazioni, sapete di servire la causa per la quale la vostra intera
esistenza si fa preghiera e merita di essere spesa
».

(Giovanni Paolo II, Domenica 26 giugno 2004 – Lettera al
Superiore Generale, P. Giorgio Nalin
).