Maria madre dei consacrati

Il testo di meditazioni e preghiera, di Luigi Guglielmoni e Fausto Negri, edito dalle Paoline, dal titolo “La grazia delle grazie”, a pag. 110 riporta la nota preghiera di Sant’Annibale alla Santissima Vergine per impetrare le vocazioni: “O Vergine santa, a te che sei mediatrice di tutte le grazie divine noi domandiamo la grazia e il beneficio che racchiude tutti gli altri, la misericordia di tutte le misericordie: manda buoni evangelici operai alla santa Chiesa. Questo dono è degno della tua materna bontà. Ricorda la parola del tuo adorabile Figlio quando disse: “Pregate il Padrone della messe perché mandi operai alla sua messe”. Tu che custodivi nel cuore tutte le parole del tuo figlio Gesù, cominciasti fin da allora a pregare perché il Padrone della messe mandasse i buoni operai nella sua messe. Tu hai ottenuto la grazia del ministero agli apostoli e ai confessori. Tu, o Madre santa, hai provveduto in ogni tempo la Chiesa di uomini apostolici e santi, di uomini operosi e ferventi di zelo e di carità. Guarda la triste condizione in cui si trovano oggi tanti popoli e tante nazioni per mancanza di buoni evangelici operai. O Madre, prega per noi e ottieni per tutti i popoli, per tutte le città, sacerdoti eletti che con tutti gli efficaci mezzi della grazia, della dottrina, del sacrificio e della parola guadagnino tutte le anime alla verità e tutte le conducano alla vita eterna. Amen.

Circoscrizione: