Pellegrinaggio della Quaresima

            Riportiamo il breve pensiero omiletico del Vicario Generale, P. José Maria Ezpeleta, nella celebrazione della Liturgia del Mercoledì delle Ceneri, tenuta nella Curia Generale.

Oggi segniamo l'inizio della Quaresima con una Liturgia Propria e con un simbolo tangibile dell'imposizione delle ceneri. Ma se c’è l’inizio, ci sarà anche la mèta. Spesso, la metafora di un cammino è associata alla Quaresima, come vediamo nelle preghiere della Liturgia di oggi. È un pellegrinaggio che ha un inizio e la destinazione specifica e, tra i due punti, c'è l'intero processo di movimento vitale, di trasformazione, di crescita, di nuova vita. Come Gesù ha trascorso la sua Quaresima nel deserto prima di iniziare a proclamare e vivere il Regno di Dio, anche noi ci imbarchiamo nel nostro pellegrinaggio di quaranta giorni, attraversando il deserto della nostra vita personale, i sentieri della vita comunitaria, e per le strade della nostra società. Come pellegrinaggio, è un cammino interiore, è uno sforzo spirituale, che si traduce in risoluzioni concrete quotidiane. È un percorso verso il proprio profondo, per poter incontrare la misericordia di Dio, per scoprire che egli cammina con noi, donandoci la forza per affrontare le sfide interiori ed esteriori. È un tempo per rivedere, per pentirsi, per restaurarsi e per rinnovarsi. È un periodo per crescere più vicino a Gesù, a sé stessi, ai propri fratelli. Accanto a Gesù e tra noi, camminiamo verso la vera libertà nella Pasqua del Signore. Buon pellegrinaggio a tutti noi.

Pilgrim Lent. Today, we mark the beginning of the Lenten Season with a Proper Liturgy, and with a tangible symbol of the imposition of the ashes. But, it is a just the beginning. Let us not lose sight of the goal. Often, the metaphor of a journey is associated with Lent, as we read in the various prayers of today’s Liturgy. It is a pilgrimage that has a start, a specific destination, and in between the two, there is the whole process of vital movement of transformation, growth and new life. As Jesus spent his Lent in the desert before beginning to proclaim the Kingdom of God, we too embark on our forty-day pilgrimage, crossing the desert of our personal life, the paths of community life, and the streets of our society. As a pilgrimage, it is an interior journey, a spiritual effort, which translates into everyday concrete resolutions. It is a movement towards one's depths, in order to meet God's mercy, to discover that he walks with us, giving us the strength to face the challenges both inside and outside. It is a time to review, to repent, to restore and to renew. It is a period to grow closer to Jesus, to oneself, to our brothers. Side by side with Jesus and with one another, let us walk towards true freedom the Easter of the Lord brings. Have a fruitful pilgrimage to us all.

 

 

Circoscrizione: