LA FESTA DI S. ANNIBALE A MESSINA

Giovedì 16 maggio nella nostra Basilica Santuario di S. Antonio si è celebrato il 15° anniversario della Canonizzazione del santo Fondatore P. Annibale Maria Di Francia. Ormai da alcuni anni nella Diocesi di Messina, Lipari E S. Lucia del Mela, la memoria di S. Annibale è stata trasferita dal 2 giungo al 16 maggio per evitare la concomitanza con la solennità della patrona della Città e Diocesi prevista per il 3 giugno. La festa cittadina organizzata dalla Casa Madre è riuscita ottimamente malgrado il tempo poco clemente. Tutta la giornata si sono celebrate diverse Sante Messe sia in Basilica che in Cripta S. Annibale. Alle ore 12 una particolare celebrazione eucaristica si è svolta nella Cripta, che custodisce le spoglie mortali del Santo Fondatore, con la Polizia Provinciale o Metropolitana che ha scelto S. Annibale come suo patrono.

Alle ore 18 ha avuto inizio il solenne Pontificale presieduto dall’Arcivescovo della città Sua Eccellenza Mons. GIOVANNI ACCOLLA in sostituzione del Cardinale LUIS MARTINEZ SISTACH, Arcivescovo emerito di Barcellona in Spagna, che ha avuto un infortunio abbastanza serio e non ha potuto prendere parte alla festa. Nella celebrazione vi è stato il suggestivo omaggio del Piccolo Coro Antoniano “Placido Vitale” che ha cantato l’inno al Padre degli orfani e dei poveri. Le Confraternite della Città con a capo il suo Presidente hanno letto l’atto affidamento a S. Annibale. Il momento più atteso e sentito dai numerosi fedeli è stata la BENEDIZIONE DELLE GARDENIE, a ricordo del miracolo fatto da Padre Annibale ad un fioraio di Cumia, villaggio nei pressi della città. Un gradevole profumo di gardenie si è elevato dentro la Basilica e per le vie limitrofe, in quanto numerosi devoti portavano in mano le gardenie benedette per essere poi donate agli ammalati, ai sofferenti, a coloro che si trovano in difficoltà, per far sentire a tutti il conforto e la vicinanza di S. Annibale nelle prove della vita. Al termine della benedizione, verso le 19,30 ha avuto inizio la PROCESSIONE con il prezioso Busto Reliquiario, dono della Città alla Basilicaimitrofe  GARDENIE E PROCESSIONE DELLE RELIQUIE, contenente alcuni frammenti preziosi del Cuore del Santo messinese. La processione ha sostato dinanzi al Santuario del Carmine, dove il parroco-rettore ha impartito la benedizione, e poi si è fermata dinanzi alla Chiesa dello Spirito Santo, Casa Madre delle FDZ, dove i bambini delle scuole delle nostre Consorelle hanno cantato l’inno a S. Annibale. Infine il rientro in chiesa tra la gioia e la soddisfazione per un evento ecclesiale ben riuscito, e graziato dal maltempo di tutta la giornata. Inoltre moltissimi fedeli per tutto il giorno hanno potuto lucrare l’indulgenza plenaria visto il rescritto della Penitenzieria Apostolica. La serata si è conclusa con i fuochi d’artificio. Adesso la nostra Basilica è proiettata verso una nuova iniziativa che arricchirà la festa del Santo Fondatore prevista per il 1 giugno, la NOTTE DEI SANTUARI, evento che si svolgerà nella notte tra il 1 e il 2 giugno. Iniziativa che ha il patrocino e la collaborazione della Conferenza Episcopale Italiana. Insomma una festa, quella del Santo Fondatore nella sua Città natale all'insegna della grande devozione e soprattutto della gratitudine a Dio, per aver donato alla Città un Santo che ha segnato la sua storia ed ha lasciato un esempio di carità, di misericordia e di amore verso i più poveri e gli orfani, verso i miseri e gli emarginati della vita, ed ha lasciato una testimonianza evangelica di forte attualità, quale è il Rogate, la preghiera costante per le buone e sante Vocazioni.